Entrambi Windows 10 e 11 Vieni con caratteristiche opzionali che devono essere abilitati manualmente dall’utente quando richiesto. Tuttavia, spesso è necessaria una connessione Internet attiva in modo che Windows possa scaricare i rispettivi file tramite Windows Update e abilitare la funzionalità. Ma cosa fai quando non hai una connessione Internet sul PC o la tua macchina è dietro un server proxy che limita l’accesso ai server Microsoft?

Questo post discute 4 modi per abilitare ancora le funzionalità opzionali in Windows mentre sei offline.

Codice di errore 0x8024402C

Se provi a installare una funzionalità opzionale di Windows senza una connessione a Internet, riceverai un codice di errore 0x8024402C affermando quanto segue:

Windows couldn't complete the requested changes.

The changes couldn't be completed. Please reboot your computer and try again.
Errore durante l’installazione della funzionalità opzionale online

Ciò si verifica quando non si dispone di una connessione Internet per scaricare i file richiesti per la funzione o si è bloccati Windows Server Update Services (WSUS). In tal caso, segui la guida fornita in questo post per installare correttamente le funzionalità di Windows di cui hai bisogno.

Prima di approfondire i metodi per abilitare le funzionalità, cerchiamo di capire come viene eseguita l’attività e quali informazioni potrebbero essere richieste in anticipo.

File di origine delle funzionalità di Windows

Come accennato, Windows scarica i file di origine per le rispettive funzionalità per abilitarli. Tuttavia, questi file di origine sono già presenti nel supporto di installazione, ad esempio un file ISO per Windows, in una cartella denominata SXS. Unfortunately, these files are not moved to the local PC while installing Windows.

All’interno del supporto di installazione, la cartella SXS si trova nel seguente percorso:

InstallationMediaSourcessxs

In modalità offline, questa cartella è essenziale per l’installazione delle funzionalità di Windows opzionali. Senza i file di origine, non sarai in grado di installare le funzionalità.

Annuncio pubblicitario

Come ottenere il nome della funzione di Windows

Due metodi per abilitare le funzionalità opzionali di Windows in modalità offline utilizzano l’interfaccia a riga di comando (CLI). Per questi metodi, dovrai conoscere i nomi tecnici delle funzionalità che desideri abilitare, poiché i loro nomi tecnici possono differire da quelli mostrati nella Turn Windows features on or off.

Attiva o disattiva le caratteristiche di Windows

Per questo, lancia Prompt dei comandi con privilegi di amministratore e incolla il seguente comando:

Dism /Online /Get-Features | More

Questo comando visualizzerà i nomi tecnici delle funzionalità, come nell’immagine sottostante. Se sei ancora confuso su quale nome corrisponda a quale funzione, una semplice ricerca su Google sarebbe utile.

ottenere i nomi delle funzioni
Ottieni nomi di funzioni

Come abilitare le funzionalità di Windows mentre sei offline

Prima di iniziare con i metodi indicati, assicurati di disporre di un supporto di installazione valido per same Windows version si desidera abilitare la funzione.

Puoi controllare la tua edizione di Windows e il numero di build digitando winver in corsa.

Abilita le funzionalità opzionali di Windows utilizzando il prompt dei comandi

Segui i passaggi seguenti per abilitare le funzionalità opzionali di Windows quando sei offline tramite il prompt dei comandi:

  1. Montare il supporto di installazione sul computer e annotare la lettera di unità associata. Questo sarà chiamato MediaDriveLetter, o MDL, come riferimento nei passaggi seguenti.
    lettera di unità
  2. Ora avvia il prompt dei comandi con diritti amministrativi.
  3. Ora usa il comando seguente per abilitare una funzionalità di Windows. Sostituire MDL con la lettera di unità corrispondente per il supporto di installazione montato e FNome con il nome tecnico della funzione che si desidera abilitare.
    Dism.exe /online /enable-feature /featurename:FName /All /Source:MDL:Sourcessxs /LimitAccess
    abilita cmd

Le rispettive funzionalità saranno ora abilitate. È possibile ripetere il passaggio 3 per abilitare più funzionalità opzionali in Windows sostituendo FNome.

In alternativa, puoi anche copiare la cartella SXS dal supporto di installazione su un’unità locale e sostituire il percorso della cartella nel passaggio 3 sopra.

Se si desidera disabilitare la funzione in futuro, è possibile farlo utilizzando il metodo convenzionale (tramite Turn Windows features on or off o utilizzando il comando seguente (Sostituisci FNome con il nome tecnico della funzione):

Dism.exe /online /disable-feature /featurename:FName
cmd disabilita
Disabilita le funzionalità di Windows utilizzando il prompt dei comandi

Abilita le funzionalità facoltative di Windows utilizzando PowerShell

Puoi anche ottenere lo stesso utilizzo Windows PowerShell. Ecco come:

  1. Montare il supporto di installazione sul computer e annotare la lettera di unità associata. Questo sarà chiamato MediaDriveLetter, o MDL, come riferimento nei passaggi seguenti.
    lettera di unità
  2. Ora avvia PowerShell con privilegi di amministratore.
  3. Utilizzare il comando seguente per abilitare una funzionalità di Windows. Sostituire MDL con la lettera di unità corrispondente per il supporto di installazione montato e FNome con il nome tecnico della funzione che si desidera abilitare.
    Enable-WindowsOptionalFeature -Online -FeatureName FName -Source “MDL:Sourcessxs”
    Abilita PS

La rispettiva funzione di Windows sarà ora abilitata. Se desideri disabilitarlo, usa il seguente comando durante la sostituzione FNome con il nome tecnico della caratteristica:

Disable-WindowsOptionalFeature -Online -FeatureName FName

Abilita le funzionalità facoltative di Windows tramite Criteri di gruppo

Se non ti senti a tuo agio nell’uso della CLI, ecco come abilitare le funzionalità opzionali di Windows tramite l’interfaccia utente grafica (GUI):

  1. Montare il supporto di installazione e quindi incollare la cartella SXS in una directory sul sistema locale utilizzando Esplora file.
  2. Ora apri l’Editor criteri di gruppo digitando gpedit.msc in corsa.
  3. Passare a quanto segue attraverso il riquadro di sinistra:
    Local Computer Policy >> Computer Configuration >> Administrative Templates >> System
  4. Qui, nel riquadro di destra, fai doppio clic su Criteri di gruppo Specify settings for optional component installation and component repair.
    gpedit
  5. Da Criteri di gruppo, selezionare il Enabled. Nel Opzioni sezione, inserisci il percorso completo per la cartella SXS che hai copiato nel passaggio 1 nel campo di testo sottostante Alternate source file path.
    (Optional) Puoi anche selezionare la casella accanto a Never attempt to download payload from Windows Update utilizzare sempre questa cartella SXS per i file di origine invece di scaricarli da Windows Update.
    fonte alternativa
  6. Ora fai clic Apply e Ok per chiudere la finestra di configurazione dei criteri di gruppo.
  7. Ora, affinché le modifiche abbiano effetto, avvia il prompt dei comandi con privilegi di amministratore e incolla il seguente comando:
    gpupdate /force
    gpupdate force più recente
  8. Ora procedi a Turn Windows features on or off e seleziona le funzionalità che desideri abilitare selezionando la casella accanto ad esse, quindi fai clic su OK.
    controlla bene

Mentre procedi con il passaggio 8, potresti notare che Windows rileva automaticamente i file di origine e abilita le funzionalità, rather than chiedendoti se scaricare i file di origine tramite Windows Update o annullare il processo.

lascia che Windows si aggiorni
Scegli di scaricare i file di origine o annullare il processo

Puoi anche disabilitare la funzione altrettanto facilmente attraverso il metodo convenzionale, senza ulteriori passaggi richiesti.

In futuro, se desideri scaricare i file di origine tramite Windows Update (è richiesta una connessione Internet attiva), dovrai tornare ai Criteri di gruppo e selezionare l’opzione Disabled.

Utilizzo del registro di Windows

Come con il metodo dei criteri di gruppo sopra, puoi anche utilizzare il registro di Windows per indirizzare il tuo sistema verso la cartella SXS locale, invece di andare su Internet per i file di origine. Ecco come:

La configurazione errata dei valori critici nel registro di sistema potrebbe essere fatale per il sistema operativo. Pertanto, insistiamo sul fatto che tu crei a system restore point prima di procedere con il processo.

  1. Montare il supporto di installazione e quindi incollare la cartella SXS in una directory sul sistema locale utilizzando Esplora file.
  2. Ora apri l’editor del registro digitando regedit in corsa.
  3. Incolla quanto segue nella barra degli indirizzi nella parte superiore dell’editor per una rapida navigazione:
    ComputerHKEY_LOCAL_MachineSOFTWAREMicrosoftWindowsCurrentVersionPoliciesServicing
    percorso di registrazione
  4. Ora fai clic con il pulsante destro del mouse su Manutenzione, espandi Nuovo dal menu di scelta rapida, quindi fai clic su Valore stringa.
    valore stringa
  5. Assegna un nome a questo valore stringa LocalSourcePath.
  6. Fare doppio clic su LocalSourcePath e immettere il percorso completo per la cartella SXS copiata nel passaggio 1 nel campo di testo sotto Dati di valore. Clic OK quando fatto.
    dati di valore
  7. Ora procedi a Turn Windows features on or off e seleziona le funzionalità che desideri abilitare selezionando la casella accanto ad esse, quindi fai clic su OK.
    controlla bene

Se procedi con l’ultimo passaggio, Windows abiliterà le funzionalità facoltative senza chiedere il download tramite Windows Update o interrompere completamente l’operazione.

Inoltre, puoi utilizzare lo stesso menu per disabilitare le funzioni abilitate.

Tuttavia, se desideri scaricare i file di origine tramite Windows Update (è richiesta una connessione Internet attiva), dovrai tornare nella stessa posizione all’interno del registro di Windows come nel passaggio 3 sopra ed eliminare il valore del registro LocalSourcePath.

eliminare
Elimina il registro per riprendere il download tramite Windows Update

Parole di chiusura

In un ambiente aziendale in cui centinaia di computer si trovano dietro un server proxy, spesso si scopre che i server Microsoft sono bloccati e WSUS viene utilizzato per aggiornare Windows. In tal caso, sarà necessario utilizzare i file di origine SXS per installare alcune funzionalità opzionali.

Se è necessario abilitare tali funzioni su più PC, si consiglia di posizionare la cartella SXS su un’unità di rete condivisa, mapparla su ciascun PC e quindi fornire il percorso per la cartella SXS dove richiesto.